Tag Archives: Panico

Ansia: un primo antidoto

“L’ansia è quel che più uccide l’amore. Crea i fallimenti.
Fa in modo che gli altri si sentano come tu ti sentiresti
se una persona che sta affogando si aggrappasse a te.
Vorresti salvarlo ma sai che, con il suo panico,
potrebbe strangolarti ”
Anaïs Nin

Tutti portiamo un cronico fardello di ansia: una sorta di secondo corpo non visibile ma percepibile internamente.
E’ lì che possiamo andare ogni volta che ci chiedono o ci chiediamo “come ti senti?”: diamo un’occhiata e sappiamo quanto in pace o in conflitto, in armonia o in dissonanza, attivati o disattivati siamo.

E’ un giudizio soggettivo che non ha niente a che fare con le misurazioni esterne: una persona può sembrare calma e sentirsi terribilmente ansiosa, può dissimulare e nascondere ma, proprio per questo, a volte, essere ancora più agitata.

Solo coloro che ci conoscono bene sono in grado di cogliere quei piccoli segnali che fanno la differenza e ci sono frangenti in cui se ne accorgono prima gli altri, della nostra ansia, perché noi siamo impegnati a difenderci dalla sua presa e nel tentativo di non sentirla attiviamo quelle difese che ci sembra che possano allontanarla.

Continua a leggere

Cronaca 18 – Sul narcisismo II Parte

“… Lacan affermava che
il compito primo dell’analista
è quello di ‘custodire il silenzio'”
M.Recalcati

Così come non si può parlare di Disturbo Ossessivo Compulsivo senza parlare di speranza e di aspettative, allo stesso modo non si può trattare l’argomento del narcisismo senza approfondire i concetti di desiderio e considerazione.

Possiamo vedere il desiderare e il considerare come due gesti interni: due funzioni necessarie della psiche senza le quali di psiche non si potrebbe nemmeno parlare. Chi ha Psiche/mente ce l’ha non tanto perché percepisce, sente e ricerca la sopravvivenza quanto perché desidera e considera: progetta per muoversi verso ciò che vuole e immagina mondi, si inventa cose verso le quali spingersi.

Sia il termine Desiderio che il termine Considerazione contengono la parola sidera: astri, stelle, qualcosa a cui guardare, verso cui dirigere lo sguardo, fuori da noi.

Continua a leggere

Il Perturbante

“E’ detto unheimlich tutto ciò che potrebbe
restare segreto, nascosto, e che invece
è affiorato”
F.W.Schelling

Nella letteratura psicoanalitica la parola Perturbante è  usata per tradurre il tedesco “Das Unheimliche” che letteralmente significa il non familiare o, meglio, ciò che era familiare e che di colpo è diventato in qualche modo estraneo o sinistro.

E’ un termine che Freud ha adoperato per indicare quello specifico stato d’animo di spaesamento che ci assale quando ci troviamo di fronte ad uno spostamento di significato: qualcosa che ritenevamo assodato e sotto controllo si rivela, invece, in grado di turbare il nostro equilibrio e la nostra interpretazione della realtà .

Di fronte al Perturbante ognuno di noi reagisce attivando delle difese che tentano di riportare la situazione ad uno stato in cui possiamo rilassarci: una sorta di normalità  senza emergenze che in tanti racconti corrisponde al lieto fine e al “e vissero felici e contenti”.
Sembra che il ” felici e contenti ” sia possibile solo dopo che un Perturbante è avvenuto ed è stato ricondotto alla normalità .
Un epilogo che corrisponde, in genere, al momento in cui gli eroi della rappresentazione mettono su famiglia e in cui lo spettatore dopo aver sofferto con loro può tornare alla sua solita vita.

Continua a leggere

Il senso del luogo

Non bisogna fare della psicologia
da rigattieri! Mai osservare per osservare.
Ciò determina un’ottica falsa, una vista obliqua,
qualcosa di coatto e di iperbolico”
F.Nietzsche

Ci sono argomenti che si associano, si rincorrono e si intrecciano nelle descrizioni che un terapeuta offre ad un paziente per osservare, da un’altra angolazione, i sintomi, la sofferenza e le parti irrisolte che questi porta in seduta. In un blog come questo che, dal punto di vista di chi lo sta scrivendo, non può non riferirsi anche alla pratica clinica quotidiana, succede, ovviamente, la stessa cosa: mi pongo una sorta di obiettivo didattico, una traccia da seguire per sviscerare un argomento e renderlo almeno un po’ descritto e mi ritrovo da un’altra parte, seguendo ciò che i pazienti portano in studio o, più probabilmente, ciò che mi colpisce o colpisce di più alcuni di loro in certi momenti.

Fa parte della disciplina del mantenersi vicini allo stato mentale “senza memoria e senza desiderio” che Bion tanto caldeggiava: si colgono certe perturbazioni degli umori che diventano lo sfondo emotivo, il luogo, in cui ci si trova ad agire, ad osservare e ad inter-agire.

E così coatto e iperbolico, due aggettivi rispettivamente connessi alla compulsione, alla coazione a ripetere e alla mania (la grandezza stolta dell’iperbole), diventano lo sfondo delle mie riflessioni di oggi.

Continua a leggere

Cronaca 13 – Hypnos II Parte: favorire l’Inconscio

Penso che il terapeuta non faccia altro che offrirti
l’occasione di pensare al tuo problema
in un’atmosfera favorevole”
M.H.Erickson

Parlavo nella Cronaca 12 della necessità di raggiungere l’inconscio e attivare la sua improvvisazione: la sua capacità di riconoscere nessi, progettare adattamenti e cambiamenti possibili, creare nuove strutture.

Questa attivazione dell’improvvisazione deve passare da una attenuazione della “prepotenza del conscio” che si può ottenere grazie al raggiungimento di uno stato di coscienza modificato, la Trance.

Ma cosa succede durante una Trance? Cosa cambia quando una persona guarda, sente e vede diversamente se stessa e i propri stati d’animo? Perché dovremmo avere fede (Bion) in questa fantasmatica capacità dell’inconscio di risanarsi?

Per rispondere a queste domande occorre partire da uno dei prodotti fondamentali dell’inconscio: il sintomo.

Continua a leggere

Cronaca 12 – Hypnos: lo stato di Trance

Credo che l’azione, se deve essere pianificata,
vada sempre pianificata su una base estetica”
G.Bateson

… vediamo tremare e confondersi i limiti fra noi e la natura e veniamo a conoscere l’atmosfera in cui non sappiamo se le immagini sulla retina provengono da impressioni esteriori o da quelle interne. Mai come in questo semplice esercizio facciamo la semplice e facile scoperta di quanto siamo creatori, di quanto la nostra anima sia sempre partecipe della continua creazione del mondo.”. Così H.Hesse in uno dei suoi primi romanzi, Demian, fa commentare al protagonista l’esperienza che, soffermandosi con un amico a guardare il fuoco che brucia in un caminetto, ha appena vissuto.

Così avviene quando lasciamo che la nostra attenzione fluttui liberamente e togliamo un po’ di quella censura della coscienza che continuamente tenta di descrivere il mondo “per quello che è”.

Continua a leggere

Cronaca 11 – Casa: il raccogliersi

“Home is where you feel at peace
with yourself”
Proverbio inglese

Parlare di casa dopo aver parlato a lungo, nelle cronache, di labirinto, può sembrare una contraddizione in termini. Ma chi mi ha letto fin qui sa che uso la metafora del labirinto per parlare della psiche e di alcune delle sue funzioni/predilezioni: l’esplorare, l’entrare in relazione, il ricercare.

Nel racconto greco di Eros e Psiche quest’ultima, dopo essersi accasata per un po’ con il dio (perché tale è Eros) è costretta, subendo un distacco doloroso dall’amato, ad una lunga ricerca nel mondo, sulla terra e negli inferi. E’ come se Psiche sapesse che la ricerca finirà solo dopo aver affrontato un percorso che prevede una serie di prove che, se superate, le permetteranno di ricongiungersi ad Eros e di sentirsi a casa e in pace con se stessa.

Il mito parla di un incontro, di un innamoramento, di una separazione, di una ricerca e di un’unione duratura dopo una trasformazione profonda.

Continua a leggere

Emozioni in gabbia

“Non credo in cose come
“La tristezza”, “La gioia”,
“Il rimorso”. Probabilmente
la prova più evidente che il
linguaggio è patriarcale è che
esso banalizza i sentimenti.”
J.Eugenides

Liquidare come semplice paura o come collera certe emozioni è una violazione del terzo punto dell’esercizio R.A.I.N. di cui ho parlato nell’ultimo post.

C’è una storiella che si racconta in India su come catturare una scimmia: basta mettere un grosso pezzo di formaggio di cui è golosa in un vaso; la scimmia sente l’odore, si avvicina e lo afferra, ma la sua mano, ora che è aggrappata al formaggio, è troppo grande per uscire dalla piccola imboccatura del vaso; d’altra parte la scimmia non vuole lasciar andare il boccone e così rimane intrappolata ed è facile catturarla.

Quando dimentichiamo o tralasciamo di Investigare un’emozione spesso compiamo esattamente lo stesso errore: sentiamo, ad esempio, qualcosa che assomiglia alla paura e, senza chiederci altro, cominciamo ad essere spaventati; a questo punto la mente, che ha imparato a rifuggire di fronte a tutto ciò che la spaventa, inizia a dimenarsi e, facendolo, in qualche modo si fissa sulle proprie sensazioni: invece di lasciar andare e prendere distanza da ciò che sente e impegnarsi per capire, dà inizio a un lavorio, una sorta di rimuginazione più o meno frenetica che, molto spesso, ottiene come unico risultato quello di invischiarla ulteriormente nell’emozione.

Continua a leggere

R.A.I.N.: come ce la raccontiamo

“L’arte di vivere non consiste né nel lasciarsi portare dalla
corrente con disinteresse né nell’aggrapparsi alle cose,
pieni di paura. Consiste nell’essere sensibili a ogni istante
considerandolo del tutto nuovo e unico: consiste
nell’avere una mente aperta e pienamente ricettiva.”
Alan Watts

Ci sono delle incredibili affinità fra alcune, recenti, scoperte delle neuroscienze e conoscenze antiche che parlavano, secoli fa, della mente, del suo funzionamento e degli strumenti che ognuno di noi potrebbe usare per modificarla.

I quattro saggi sulla depressione che sono comparsi in questo blog sono un piccolo esempio di come si può guardare ad uno stato della mente che, per quanto “scomodo” e sgradevole, è comunque una delle tante condizioni in cui il nostro umore, il nostro modo di sentirci, può essere declinato.

La Depressione Clinica nelle sue varie manifestazioni (Episodio Depressivo Maggiore, Psicosi Maniaco-Depressiva, Distimia, ecc.) va considerata come una vera e propria malattia che deve essere curata con una serie di interventi, farmacologici e di psicoterapia di sostegno, che aiutino il paziente a svincolarsi da quello che è, a tutti gli effetti, un disturbo grave e complesso.

Continua a leggere

Scimmia claustrofobica

 “Coloro che dicono che la spiritualità
non ha niente a che fare con la politica
non sanno cosa significhi davvero ‘spiritualità’”
Mahatma Gandhi

“E’ una gioia restare nascosti
ma un disastro non essere trovati”
D.Winnicott

La storia di cui parlo in questo saggio è qualcosa di diverso da un semplice aneddoto o da una storiella. E’ piuttosto una di quelle grandi metafore che, per descrivere una condizione, uno stato delle cose, un quadro della situazione dell’Uomo, inventa un intero cosmo: un insieme di mondi, ognuno dei quali rappresenta un livello di evoluzione e un modo di essere, di percepire e di rispondere alla “realtà” che ci circonda.

Sia la storia dell’Occidente che quella dell’Oriente sono piene di queste cosmogonie che, descrivendo certi tipi di “aldilà”, descrivono anche e soprattutto certi stati mentali, certe condizioni e certe tendenze che, quando agite, determinano i nostri comportamenti e le nostre abitudini.

In un momento in cui sembra inevitabile chiederci dove stiamo andando e se usciremo dalla trappola in cui ci siamo o ci hanno ficcati, credo sia il caso di riflettere su cosa ci aspetta fuori dalla porta della gabbia, fuori dal “regno” in cui ci sentiamo imprigionati.

Continua a leggere